Chi ha ucciso Hannah Baker?

Ovvero: Le 13 ragioni per cui non ho odiato la serie, ma non l’ho neanche amata.

Avvertenza: contiene spoiler e motivi di odio nei miei confronti per i fan della serie.

1. La “trama”

L’idea di partenza è molto interessante: una ragazza si toglie la vita, dopo aver registrato tredici cassette contenenti i responsabili e gli eventi scatenanti una decisione tanto drastica. Fin qui tutto bene. L’unico vero problema è che, nonostante un soggetto così forte, ogni tanto la vicenda viene eccessivamente semplificata, o comunque appiattita in favore di una trama più lineare e adatta al grande pubblico. Non necessariamente un difetto, ma comunque un qualcosa che, dopo 13 puntate, non me l’ha fatta apprezzare a pieno.

2. Le prime puntate

E qui si entra nel merito del problema precedente. Infatti la prima metà della serie è una versione di “O.C.” ma con un suicidio di mezzo. In queste puntate Hannah Baker è un personaggio quasi incomprensibile e fastidioso, mentre molte delle situazioni che questi ragazzi affrontano sono al limite del caricaturale. Caratteristica che alcuni dicono sia voluta per renderla più fruibile al suo naturale pubblico “teen”, quando a me ricorda solo un’ottima strategia di marketing.

13-reasons-why

3. Le ultime puntate

Per quanto dei lati positivi si possano trovare anche fin dalla prima puntata, negli ultimi 4 – 5 episodi qualcosa cambia. I comportamenti da teen drama americano spicciolo vengono definitivamente abbandonati, lasciando spazio finalmente a una narrazione più intelligente e consapevole dei propri mezzi. Pur con qualche momento infelice, come la prima violenza su Jessica.

4. Le scene esplicite

Raggruppiamo sotto questa categoria tutte quelle scene “crude”, in teoria devastanti, per le quali si è addirittura deciso di mettere un’avvertenza all’inizio delle puntate (spoilerando a noi ignari spettatori il contenuto, tra l’altro). Ma ce n’era davvero bisogno? A pensarci bene decisamente no, anche perché queste scene sono tali soltanto nelle intenzioni, che pure colpiscono. Nelle ultime puntate assistiamo a un climax di violenza psicologica (e fisica purtroppo) molto ben orchestrato, ma le sequenze in questione spesso e volentieri sono girate in maniera caotica e poco “realistica”, o comunque non adatta al contesto, come nel caso dello stupro di Jessica. Va bene, il pubblico “teen”, che tutti si ostinano a difendere, potrebbe esserne colpito, subire dei traumi eccetera eccetera eccetera. Ma questo discorso lo continuiamo nei prossimi punti.

5 e 6. Il successo e le critiche

L’enorme successo che ha avuto è meritato? Sì, senza dubbio. È una serie che accontenta chiunque e che si lascia vedere tranquillamente, senza grandi picchi di qualità, ma senza nemmeno pericolosi tonfi nella mediocrità più assoluta. Con il successo però sono arrivate delle critiche. E non mi riferisco a quelle, pur legittime, alla serie come prodotto artistico, ma verso i contenuti. Molti si sono lamentati delle tematiche sconvolgenti, di come possano influenzare le giovani menti dei pargoli americani, che sono tanto cari e buoni. Allora, ammesso e non concesso che ciò sia vero in alcuni casi, per carità, davvero si può fare una critica del genere? Si guardassero “Elephant”, il capolavoro di Gus Van Sant, che mostra un episodio simile alla tragedia di Columbine e agli altri tantissimi massacri perpetrati dagli studenti nelle scuole, poi vediamo se c’è ancora qualcosa da dire a questo “Tredici”.

Clay & Hannah

7, 8 e 9. Hannah Baker, Clay Jensen, i personaggi.

Bisogna fare appunto una distinzione: Hannah Baker in negativo, Clay Jensen in positivo, il resto dei personaggi a metà tra i due. Per quanto riguarda Hannah con “negativo” non si vuole criticare la performance attoriale di Katherine Langford, quanto piuttosto dell’enorme potenziale sprecato del suo personaggio. La tematica è forte, va dato atto ai produttori di essere stati abbastanza coraggiosi nel trattarla. Ma, dal momento che avevano in mano qualcosa diretta a un pubblico così giovane e fragile, avrebbero potuto tirare fuori qualcosa in più e magari dare più spessore e credibilità ai personaggi, su tutti Hannah Baker. Paradossalmente è il più interessante e il meno approfondito. Con quello di Clay Jensen, invece, ci hanno proprio preso. Forse è l’unico personaggio a seguire un’evoluzione naturale e credibile, l’unico in cui davvero si può riconoscere un essere umano, mentre gli altri, chi più chi meno, rimangono legati a delle maschere classiche del genere “teen”. In ogni caso niente di drammatico, molti personaggi sono comunque interessanti, come Justin, e in fin dei conti il prodotto non risente più di tanto di queste mancanze.

E poi però c’è Tony.

10. Tony

Chi è? Che fa? Perché è sempre dappertutto? Perché mentre parla con le persone prende e se ne va via (come molti altri personaggi del resto)? Perché sa tutto di tutti? E perché non dice niente? Non si sa. Tony sarebbe anche interessante, se non fosse avvolto da quest’aria grottesca e quasi divina.

11. Tematiche

I temi trattati sono, appunto, molto forti. E, c’è da dirlo, in molti casi sono anche esaminati a dovere. Alcuni episodi di bullismo, alcuni comportamenti tipici all’interno delle scuole, alcune situazioni di ragazzi emarginati. Tutte cose che funzionano anche bene, ma che avrebbero sicuramente necessitato di una cura maggiore. E non cominciassero di nuovo con la manfrina “il mio tesorino è rimasto sconvolto e ora si vuole ammazzare”. Su questo almeno la serie è fedele alla realtà. Gli adulti sono delle amebe idiote, eccetto qualche raro caso.

12. La seconda stagione

A vedere il finale sembra proprio ci sarà una seconda stagione. Era necessaria? Risponderò con un’espressione tipicamente romana per riassumere il concetto: v’accollate.

13. Conclusione

Tredici è quindi una serie interessante, che si lascia vedere senza troppi problemi. In alcune puntate la regia è particolarmente ispirata e gli attori tutto sommato, essendo molti alla prima esperienza, fanno il loro dovere. A parte qualche evidente difetto di scrittura e un eccessivo didascalismo, tendenzialmente non delude chi la inizia.

Avrei potuto anche solo dire questo invece di ammorbare con 13 punti lunghissimi (e potevano essere molti di più), ma dovevo vendicarmi delle 13 puntate da 50 minuti per un totale di quasi 11 ore passate appresso ad Hannah Baker e colleghi. Fine delle trasmissioni.

Claudio De Angelis

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...