Gas a martello!

Riparte in Qatar la Moto GP, e mai come quest’anno la carne al fuoco è davvero tanta! Si riparte dallo scorso novembre e dal terzo alloro iridato nella classe regina di Marc Marquez, riscopertosi “ragioniere” (come è stato dipinto abbastanza unanimemente) e capace di conquistare un mondiale molto differente dai primi due, nei quali la spregiudicatezza, il rischio e la sana follia derivante dalla giovane età erano state le chiavi di volta. La vittoria da rookie nel 2013, ma soprattutto la stagione monstre nel 2014, nella quale il cabroncito riuscì a vincere 10 gare consecutivamente, avevano fatto scoprire al mondo intero un pilota con la stimmate del fuoriclasse ma senz’altro ancora acerbo a livello di maturità e di gestione dei momenti difficili in gara. Ed infatti il 2015 ha palesato tutti questi fattori facendo scattare la metamorfosi di Marquez in pilota più maturo ed esperto versione 2016.

Ed ora il 2017 si apre con molti, anzi moltissimi, punti interrogativi. Riuscirà MM93 ad aggiudicarsi il quarto titolo? Ce la farà l’eterno Valentino Rossi a battere quello che, con molta probabilità, sarebbe l’ultimo colpo di coda della sua leggendaria carriera? E Lorenzo? Sarà in grado di imporsi in Ducati?

Intanto i test invernali ed anche le prove libere del Qatar stanno tutte propendendo verso un’unica direzione, quella di Maverick Vinales.

Colui che ha preso il posto di Jorge Lorenzo in Yamaha ha in questo momento tutti i riflettori puntati, e con tempi pazzeschi, un feeling con la moto già eccellente e distacchi imbarazzanti inflitti agli inseguitori, è il netto favorito per la vittoria del primo Gran Premio della stagione. Ovviamente dovrà confermare in gara quanto di straordinario fatto vedere, ma i favori del pronostico sono senza dubbio tutti dalla sua.

Interessante sarà anche capire come si comporterà il cavallo pazzo Andrea Iannone in Suzuki, sarà stato rigenerato dalla “cura Belen”? Nel frattempo nelle ultime libere si è imposto in seconda piazza dietro l’inarrivabile Vinales e davanti al campione in carica Marquez: che sia l’anno buono?

Quello che senz’altro avrà le sue belle gatte da pelare è Jorge Lorenzo, con una Ducati che sembra ancora molto lontana dai livelli di Honda e Yamaha in particolare. In bocca al lupo e buon lavoro.

E poi c’è lui, il vecchio leone, quello che si accinge a disputare la sua ventiduesima stagione in sella a 38 anni suonati, la leggenda vivente, colui il quale va a caccia della propria personalissima decima, Valentino Rossi, ancora una volta, immensamente.

Tutti i virtuosi di questo sport ed i nostalgici faranno senz’altro il tifo per lui, perché un’eventuale decimo sigillo sarebbe fatto della sostanza di cui sono fatti i sogni e sognare, per l’appunto, non è mai stato vietato.

Ormai ci siamo, manca pochissimo e poi sarà di nuovo Moto GP, fari spenti e gas a martello!

Fabrizio Como

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...